Come utilizzare Google Alert nella tua strategia di marketing

Newsjacking: cos’è e perché può servire alla tua azienda
giugno 6, 2019
Corrispettivi vending: comunicazione dell’AdE per le anomalie
giugno 17, 2019

Google Alert è uno strumento tanto utile quanto poco utilizzato in modo strategico. Si tratta di un tool gratuito che permette di ricevere direttamente nella propria casella email i contenuti relativi alle parole chiave impostate.

Bastano pochi minuti per iniziare ed, essendo gratuito, non richiede alcun investimento, allora perché non sfruttarlo per migliorare le tue performance di marketing? Se non ci avevi mai pensato e ti stai chiedendo come fare, nei prossimi paragrafi troverai qualche spunto interessante.

 

Cos’è Google Alert

Google Alert è il servizio di Google che consente di ricevere notifiche relative a parole chiave o frasi di interesse. Il meccanismo di funzionamento è molto semplice: non serve far altro che impostare le keyword che si vogliono monitorare. Google Alert invierà automaticamente alla tua casella di posta elettronica una email con i nuovi contenuti che contengono la parola specificata.

In questo modo potrai tenere sotto controllo i temi (o le aziende) che contano per il tuo business e avrai la certezza di non perdere notizie importanti, senza dover cercare manualmente su Google le keyword di riferimento.

Google Alert può essere una risorsa molto utile per chi ha un’attività di business, ma non sempre viene preso in considerazione. Ecco alcuni suggerimenti per inserire questo tool nella tua strategia di marketing e trarne vantaggio.

schermata google alert

 

6 modi per usare Google Alert nella tua strategia di marketing

 

1. Monitorare i competitor

Sapere cosa fanno i tuoi concorrenti, sia a livello di business che a livello di contenuti, è molto utile. Vuoi sapere se hanno lanciato un nuovo prodotto o servizio? O se hanno pubblicato un nuovo articolo da cui puoi trarre inspirazione? O se qualcuno sta parlando di loro? Impostando il nome delle tue aziende concorrenti come keyword su Google Alert avrai sempre un quadro aggiornato della situazione.

 

2. Trovare nuovi argomenti per il blog

Se hai un blog aziendale sai bene che la scelta dei temi da trattare non può essere casuale. Individua gli argomenti che interessano di più al tuo pubblico e imposta delle keyword pertinenti su Google Alert. Ogni volta che verrà pubblicato un nuovo contenuto ne sarai al corrente, e potrai trovare ispirazione per produrre nuovi articoli.

 

3. Controllare le menzioni del tuo brand

Per un brand è importante sapere anche se qualcuno parla dei suoi prodotti o servizi e, soprattutto, come ne parla. Impostando un Alert con il nome della tua azienda saprai chi parla di te e se ha un’opinione positiva o negativa. Alcuni tool di social media monitoring permettono di controllare le menzioni del brand all’interno dei canali social, ma grazie a Google Alert puoi estendere il monitoraggio anche al resto del web.

 

4. Trovare occasioni di interazione

Commentare su altri blog di settore inserendosi all’interno di conversazioni rilevanti è un buon modo per costruire legami di valore e trovare nuovi potenziali clienti e partner. Così facendo hai la possibilità di farti conoscere e di aumentare la notorietà del brand, ma devi selezionare siti e blog rilevanti per la tua attività e dare un contributo significativo.

 

5. Sapere quando vengono citati i tuoi contenuti

Misurare i risultati degli sforzi di marketing è importante, anche perché ti permette di giustificare gli investimenti fatti. Per questo può essere utile monitorare specifici contenuti, come ad esempio un articolo o un comunicato stampa: mostrarne le menzioni su altri portali e il conseguente aumento di traffico al tuo sito può indirizzare le decisioni future.

 

6. Monitorare le keyword principali

Ultimo, ma non meno importante, Google Alert, insieme a Google Trends, può aiutarti a rafforzare la tua keyword strategy mostrandoti come gli altri utilizzano le tue stesse parole chiave. Non solo guarderai le cose da altri punti di vista, ma potrai anche scoprire altre keyword correlate rilevanti per il tuo business, che potrebbero aiutarti a migliorare il posizionamento SEO del tuo sito.

Google Alert è uno strumento con grandi potenzialità. Questi sei spunti possono servirti per trovare il modo più efficace per usarlo a vantaggio della tua attività. Non ti resta che iniziare!