Proroga dei termini di conservazione digitale dei documenti informatici
Marzo 29, 2021
Vaccinazioni sul luogo di lavoro: le indicazioni del Garante Privacy
Maggio 24, 2021

OBIETTIVI

Linea 1 “Imprese P.R.O. – Pronte, Resilienti, Operative” per una rapida ripartenza post Covid

Progetti immediatamente cantierabili e finalizzati allo sviluppo o miglioramento di specifiche competenze dei lavoratori. Nell’ambito di tale tipologia verranno premiati i progetti che prevedano esclusivamente interventi di accompagnamento taylor made (quali coaching, assistenza e consulenza, voucher, webinar) orientati al raggiungimento tempestivo dei fabbisogni espressi dalle aziende.

Linea 2 “Imprese F.I.T. – Forti, Innovative, Trainanti” per investire in processi di cambiamento e di innovazione

Progetti finalizzati alla definizione di strategie di rilancio aziendale attraverso l’investimento sulle competenze dei lavoratori che comprendono percorsi mirati all’innovazione strategica, organizzativa e tecnologica. Progetti finalizzati alla definizione di strategie di rilancio aziendale, che prevedano percorsi mirati di innovazione tecnologica, strategica e/o organizzativa customizzati rispetto alle esigenze aziendali.
I progetti dovranno essere finalizzati alla definizione di una strategia di rilancio aziendale, denominata “Azione strategica di rilancio”, pertanto dovranno prevedere:

    • il Temporary Manager: per massimo il 50% della retribuzione annuale lorda oltre che per massimo 20.000€ per le micro/piccole imprese e 40.000€ per le medie/grandi imprese. In caso di incarico di durata inferiore ai 12 mesi, l’incentivo sarà riparametrato proporzionalmente. L’inserimento in azienda di figure in possesso di competenze manageriali, con un’anzianità e un’esperienza antecedente nella qualifica/posizione ricoperta di almeno 12 mesi, che negli ultimi sei mesi non abbiano avuto un rapporto di lavoro, direttamente o tramite somministrazione, con l’impresa che intende beneficiare di tale incentivo. Tale limite è esteso anche ai rapporti di lavoro eventualmente intercorsi, negli ultimi sei mesi, da parte del soggetto con imprese collegate all’impresa beneficiaria o appartenenti al medesimo gruppo e che lo stesso manager non abbia usufruito del medesimo incentivo nel corso dell’ultimo biennio 2019-2020;

e/o

    • il Piano di rilancio per l’innovazione, quest’ultimo corrispondente ad azioni/consulenze per massimo il 10% del valore complessivo del progetto e comunque entro 10.000€. L’innovazione potrà essere: tecnologica; strategica; organizzativa.

Quali interventi complementari della “Azione strategica di rilancio” potranno essere previsti:

    • Borse di ricerca
    • Action Research
    • Spese Fesr: acquisizione immobili, ristrutturazione, manutenzione straordinaria, acquisto macchinari, hardware, software (esclusi i programi di office automation e di contabilità), spese tecniche, licenze e brevetti, ecc..purchè sostenute dalla data di pubblicazione della Direttiva di riferimento alla data di presentazione dell’attestazione
      finale delle attività e alla quota d’uso effettivamente utilizzata sul progetto

      • per i progetti che prevedono avvio di nuovi rami d’azienda, apertura di nuove unità locali, incremento del capitale sociale per ingresso di nuovi soci: massimo 40% del valore complessivo del progetto con contributo del 70% sul valore del bene al netto di IVA
      • per tutti gli altri progetti: massimo 30% del valore totale del progetto

DESTINATARI

  • lavoratori occupati presso imprese, di tutti i settori (esclusi quelli sotto riportati), operanti in unità localizzate sul territorio regionale con modalità contrattuali previste dalla normativa vigente;
  • titolari d’impresa, coadiuvanti d’impresa;
  • liberi professionisti e lavoratori autonomi.

Non sono ammissibili come destinatari coloro i quali abbiano un rapporto di lavoro con:

  • soggetti riferibili ai settori della sanità e socio-assistenziale;
  • soggetti riferibili ad imprese iscritte alla Sezione A della Classificazione delle attività economiche – Ateco;
  • organismi di formazione, accreditati o non;
  • soggetti pubblici o privati quali Comuni, enti pubblici, associazioni economiche di interesse pubblico, associazioni datoriali e di categoria.

Al fine di coinvolgere ciascuna azienda in una specifica traiettoria di sviluppo e crescita, si sottolinea che ogni impresa può essere coinvolta in un solo progetto (a prescindere dalla Linea scelta e dello sportello di presentazione).

SOGGETTI PROPONENTI

Le proposte progettuali possono essere presentate da:

  • I soggetti iscritti nell’elenco regionale degli organismi di formazione accreditati per l’ambito della Formazione Continua, per un valore massimo di progetti non superiore a 450.000€
  • Imprese private, che abbiano almeno un’unità operativa ubicata in Veneto.

Sarà premiante il coinvolgimento di aziende che non abbiamo beneficiato delle DDGR n. 1311/18 e/o n. 1010/19.

TEMPISTICHE, RISORSE DISPONIBILI, VALORE DEI PROGETTI

Le domande di ammissione al finanziamento dovranno pervenire entro e non oltre le ore 13.00 di ciascun giorno di scadenza dell’apertura a sportello:

PROGETTI LINEA 1 – IMPRESE P.R.O. valore complessivo tra 20.000.€ e 70.000,00€

    • Sportello 1: dal 26 aprile al 20 maggio 2021 – dotazione di 2.000.000€
    • Sportello 2: dal 21 maggio al 18 giugno 2021 – dotazione di 2.000.000€
    • Sportello 3: dal 21 giugno al 16 luglio 2021 – dotazione di 1.000.000€

PROGETTI LINEA 2 – IMPRESE F.I.T. valore complessivo tra 40.000.€ e 150.000,00€

    • Sportello Unico: dal 21 maggio al 18 giugno 2021

Ogni allievo potrà avere un costo massimo di 6.000€

REGIME DI AIUTI

Il regime di aiuto di stato attivabile nell’ambito della presente direttiva rientra nel “Temporary Framework (TF) . Per quanto riguarda gli aiuti concessi ed erogati a norma della presente Direttiva, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • l’aiuto non dove superare 1.800.000,00 € per impresa sotto forma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili, agevolazioni fiscali o di pagamenti
  • L’aiuto non può essere concesso a imprese che si trovavano già in difficoltà (ai sensi del regolamento generale di esenzione per categoria) il 31 dicembre 2019.

Le misure di aiuto di cui al TF possono essere cumulate con gli aiuti previsti dai regolamenti de minimis o dai regolamenti di esenzione per categoria a condizione che siano rispettate le disposizioni relative al cumulo previste dai singoli regolamenti.

ESITI DELLE ISTRUTTORIE

I progetti presentati saranno sottoposti all’approvazione degli organi competenti e approvati entro 90 giorni dalla scadenza dei termini per la presentazione delle candidature, a meno che il numero e la complessità delle proposte pervenute non giustifichino tempi più lunghi.

 

Vi invitiamo a contattarci per approfondire i dettagli, possibilmente almeno 2 settimane prima della scadenza di ogni sportello cliccando qui o completando il modulo che trovi a questa pagina.