La certificazione qualità ISO 9001:2015 come vantaggio competitivo

distinguersi nel vending
Gestione distributori automatici: un metodo per distinguersi nel vending
marzo 5, 2018
nuova ISO 2015
Migrazione della norma ISO 9001 alla versione 2015
aprile 9, 2018
certificazione ISO 9001

Spesso e volentieri sentiamo parlare della certificazione qualità come un adempimento gravoso ed inutile, ma è esattamente così? La certificazione qualità ISO potrebbe dare all’azienda un vantaggio competitivo nei confronti delle altre realtà? In questo articolo scopriamo insieme cosa significa ottenere la certificazione, perchè farla e con quale spirito affrontare il cambiamento organizzativo che porta.

 

La certificazione ISO 9001: affrontarla sì, ma nel modo giusto

Ci sono fondamentalmente due modi di affrontare questa certificazione: il primo, stravolgere l’azienda per renderla conforme alla normativa; il secondo, produrre una massa di carta per documentare la conformità senza intaccare le attuali prassi.

Nulla di più sbagliato. Perchè?

Partiamo da un assunto pratico, cosa fa giornalmente un imprenditore per dirigere la propria azienda? Sicuramente alcune o tutte di queste cose:

  • Pianifica gli investimenti in beni strumentali in base alle risorse esistenti ed alle prospettive di mercato;
  • Forma il personale all’utilizzo dei propri macchinari;
  • Ordina merci, prodotti, servizi ai propri fornitori e chiede specifiche caratteristiche qualitative e quantitative;
  • Controlla i prodotti ricevuti;
  • Pianifica le attività produttive sulla base delle richieste dei clienti;
  • Verifica che la produzione corrisponda alla richiesta;
  • Definisce i prezzi di vendita sulla base dei costi sostenuti e della concorrenza;

Tutte queste attività sono parte integrante del modello organizzativo aziendale scelto dall’imprenditore e il modello che richiede la norma ISO 9001 coincide con i punti citati, nulla di più nulla di meno. Devi sapere, infatti, che il sistema qualità si basa sulle seguenti aree:

  • Impegno concreto della direzione con obiettivi chiari e raggiungibili;
  • Definizione e manutenzione delle risorse necessarie al raggiungimento degli obiettivi, siano esse umane, materiali o finanziarie;
  • Progettazione del prodotto/servizio coerente con i requisiti del cliente e dell’azienda;
  • Gestione della produzione e suo monitoraggio;
  • Imparare dai propri errori e migliorare.

trasversale per tutto ciò vi è la necessità di comprendere il contesto in cui si opera, quindi i fattori che possono influenzare l’azienda, sia dall’interno che dall’esterno.

Ecco un esempio: il tuo responsabile della produzione andrà in pensione molto presto, hai una figura in azienda che lo può sostituire? 

 

Certificazione ISO 9001: facciamo il punto

Come abbiamo detto la certificazione di qualità cerca di dare ordine e concretezza alle attività che giornalmente gli imprenditori fanno, semplicemente inserendole e programmandole in un modello organizzativo chiaro e trasparente, a vantaggio dell’azienda in primo luogo e del cliente di conseguenza.

Per cui l’adozione della certificazione ISO 9001, se correttamente applicata, deve fornire i seguenti vantaggi:

  • Chiarezza nella definizione degli obiettivi di lungo, medio e breve termine;
  • Razionalizzazione delle risorse in base agli obiettivi fissati;
  • Comunicazione interna efficace;
  • Monitoraggio delle attività per la riduzione degli errori e degli scarti;
  • In base al punto precedente, riduzione degli sprechi di tempo e risorse;
  • Maggiore efficienza e maggiore valore aggiunto;
  • Maggiore competitività aziendale;
  • Analisi del contesto e dei rischi e adozione di strategie per la riduzione delle conseguenze di eventi dannosi.

 

Ovviamente la fase di adozione comporta un periodo di adattamento, ma operare cercando di anticipare e prevenire i problemi genererà forti riduzioni di costi ed una migliore gestione del tempo a tutto vantaggio del conto economico aziendale, e 3 aspetti importantissimi: un enorme impatto sul cliente in termini di qualità del prodotto/servizio, la riduzione delle contestazioni e la fidelizzazione del cliente stesso che vedrà nella vostra azienda un partner prima che un semplice fornitore.

 

 

Certificazione ISO 9001: è necessaria?

Per la tua azienda potrebbe anche non essere necessario il conseguimento della certificazione, ma, oramai in diversi settori, viene richiesta come elemento obbligatorio, spesso anche negli appalti pubblici, oppure in caso di forniture a società già certificate.

Per cui la certificazione è uno strumento di validazione per passare la prima selezione e questo ti distingue dalle altre aziende che ne sono prive, generando un vantaggio competitivo. Questo dovrebbe spingerti a fare delle riflessioni per capire come iniziare l’iter di conseguimento della ISO.

Ma oltre a questo aspetto, senti come tua l’esigenza di migliorare l’efficienza del lavoro all’interno dell’azienda?

Devi sapere che, grazie ad una corretta applicazione del modello organizzativo ISO 9001, potresti ottenere significativi miglioramenti. In questo caso, però, devi essere tu imprenditore, in prima persona, a volerlo, perché la prima cosa che faranno i tuoi collaboratori quando gli verrà chiesto di fare qualcosa per la certificazione sarà di guardare te per chiedere conferma dell’incarico.

Se vuoi approfondire l’argomento e capire come ricavarne beneficio per la tua azienda devi avere ben presente che le logiche che portano alla creazione del primo modello ISO non sono immutabili nel tempo ma, come l’acqua si adatta al contenitore, il modello deve adattarsi all’azienda ed al divenire della stessa, cercando sempre di generare benefici per l’utilizzatore.

Applicare il modello organizzativo in modo astratto è una perdita di tempo per te ed i tuoi collaboratori e di risorse finanziarie per il costo di implementazione e certificazione.

Quindi, se hai capito il beneficio che puoi ricavarne e vuoi approfondire come applicarlo in modo concreto,  scopri la nostra consulenza ISO e comprendiamo insieme come è possibile integrare questo modello alla tua azienda.